La conversazione su WhatsApp è considerata prova documentale e quindi ne è consentito il sequestro nei procedimenti penali.

La Cassazione (n. 1822/2018) ha stabilito che le conversazioni di WhatsApp non beneficiano delle garanzie previste per le intercettazioni o per la corrispondenza, perché rientrano nella categoria dei documenti.

I messaggi di WhatsApp e gli  sms, rinvenuti in un telefono cellulare sottoposto a sequestro, devono essere considerati prove documentali, perché tali conversazioni non rientrano nella categoria delle intercettazioni o della corrispondenza. A tali comunicazioni non sono applicabili quindi le garanzie previste per le intercettazioni e la corrispondenza. Secondo la Cassazione tali informazioni, anche se il loro contenuto è potenzialmente lesivo della sfera personale, concluse le indagini, non essendo più sottoposte a segreto, potrebbero essere rese pubbliche. 

Meglio cancellare.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS
LINN Srl - C.so Silvio Trentin, 108 - 30027 San Dona' di Piave (VE) - P.I. 02352350272

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.